Nedelja, 21 Oktober 2018, 08:05

OPOZORILO! Naša spletna aplikacija uporablja piškotke.

Sprejmi

Piškotki so majhne datoteke, ki jih naložimo na vašo napravo, z namenom izboljšanja uporabniške izkušnje. Preberi več

Piškotki, ki jih uporabljamo za delovanje portala, v nobenem primeru ne škodijo ne Vam, ne Vašemu računalniku. Omogočajo izdelavo dokumentov preko pametnih e-obrazcev, merjenje statistike obiska, delovanje partnerskega (affiliate) programa, oglaševanja, deljenja vsebin preko družbenih omrežij in komunikacijo z Vami. Predvsem pa omogočajo boljšo in lažjo uporabo portala za Vas kot uporabnika. Prosimo potrdite ali se strinjate z uporabo piškotkov na naši strani (kliknite spodnji gumb Sprejmi).

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Župančičeva ulica 18
6000 Koper - Capodistria
Ta e-poštni naslov je zaščiten proti smetenju. Za ogled potrebujete Javascript, da si jo ogledate.

ELETTO IL NUOVO GOVERNO SLOVENO

Podobne novice

La Slovenia ha da pochi giorni un nuovo governo. Il premier Marjan Šarec guiderà una compagine di minoranza, sostenuta da un pentapartito - Socialdemocratici, Partito del centro moderno, Lista Alenka Bratušek, Desus è la stessa lista Šarec, con l'appoggio esterno della Sinistra. Il Consiglio dei Ministri ha avuto ancora il sostegno dei deputati di nazionalità italiana ed ungherese, raggiungendo così 45 voti su 90 disponibili. Nell'annunciare il voto a favore delle Comunità nazionali autoctone, il parlamentare italiano Felice žiza, ha rilevato che il governo appena entrato in carica dovrà adoperarsi per ridurre il divario purtroppo ancora presente fra il livello di tutela formale e l’attuazione pratica delle disposizioni riguardanti le comunità nazionali autoctone. É necessario aggiornare gli atti normativi e serve un approccio settoriale che assicuri adeguati sostegni sul piano finanziario , per le risorse umane, per la promozione della lingua della cultura, della storia e delle tradizioni delle Comunità nazionali autoctone- ha detto ancora il dott. Žiža nel suo intervento in aula. Martedì, assieme al suo collega ungherese, esaminerà con il primo ministro l’accordo formale di collaborazione con il nuovo esecutivo, precisando nel dettaglio interventi e atti legislativi a favore della CNI e delle sue istituzioni.

Najbolj brane

Podobne novice

Drugo

Zadnje novice

Info-libro

Podobne novice