Četrtek, 19 Julij 2018, 20:10

OPOZORILO! Naša spletna aplikacija uporablja piškotke.

Sprejmi

Piškotki so majhne datoteke, ki jih naložimo na vašo napravo, z namenom izboljšanja uporabniške izkušnje. Preberi več

Piškotki, ki jih uporabljamo za delovanje portala, v nobenem primeru ne škodijo ne Vam, ne Vašemu računalniku. Omogočajo izdelavo dokumentov preko pametnih e-obrazcev, merjenje statistike obiska, delovanje partnerskega (affiliate) programa, oglaševanja, deljenja vsebin preko družbenih omrežij in komunikacijo z Vami. Predvsem pa omogočajo boljšo in lažjo uporabo portala za Vas kot uporabnika. Prosimo potrdite ali se strinjate z uporabo piškotkov na naši strani (kliknite spodnji gumb Sprejmi).

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Župančičeva ulica 18
6000 Koper - Capodistria
Ta e-poštni naslov je zaščiten proti smetenju. Za ogled potrebujete Javascript, da si jo ogledate.

Diritti delle minoranze al vaglio delle Nazioni Unite

Podobne novice

La Slovenia ha raggiunto importanti traguardi nella tutela delle minoranze, ma gli ulteriori passi avanti devono essere ancora più significativi. Sono stati instaurati importanti meccanismi e un impianto legislativo validi, ma in alcuni comparti bisogna ancora perfezionare l’attuazione delle norme. Con queste constatazioni, presentate alla conferenza stampa di Lubiana, si è concluso il soggiorno in Slovenia del rappresentante speciale delle Nazioni Unite per le questioni delle minoranze, Fernand de Varennes. Il diplomatico canadese ha incontrato giovedì pomeriggio anche gli esponenti della CAN costiera, rappresentata dal segretario, Andrea Bartole e dalla vicepresidente della CAN costiera, Linda Rotter. Nel corso di un lungo colloquio, all’alto ospite sono state illustrate le norme di legge che regolano l’uso della lingua italiana nella pubblica amministrazione e nelle scuole. In particolare ci si è soffermati sulla qualità dell’italiano usato negli uffici pubblici e, quindi, sulla possibilità degli appartenenti alla Comunità nazionale italiana di usufruire dei servizi richiesti nella propria madrelingua . Parte del colloquio è stato incentrato sull’uso della lingua italiana in tutto il territorio nazionalmente misto, anche per quanto riguarda le conoscenze in materia dei cittadini della maggioranza e le possibilità effettive di comunicare in italiano anche al di fuori dei servizi pubblici. Da magistrato, il signor De Varennes ha chiesto particolari sul funzionamento dei procedimenti giudiziari e dei tribunali in generale nei rapporti con gli appartenenti alla CNI. I dati raccolti serviranno all’esponente delle Nazioni Unite per stilare il suo resoconto finale. Sarà redatto in autunno, dopo eventuali nuove consultazioni con la Comunità nazionale italiana, per essere sottoposto, alla fine, all’attenzione dell’Assemblea generale dell’ONU. Fernand de Varennes non ha voluto rilasciare dichiarazioni a Capodistria. Alla stampa ha rivolto soltanto alcune brevi frasi di cortesia, rilevando di essere già stato in Slovenia e si è riservato di tracciare un bilancio della sua missione soltanto al termine dei colloqui con vari soggetti, rappresentanti le minoranze sul territorio sloveno.

Najbolj brane

Podobne novice

Drugo

Zadnje novice

Info-libro

Podobne novice