Sobota, 22 September 2018, 14:33

OPOZORILO! Naša spletna aplikacija uporablja piškotke.

Sprejmi

Piškotki so majhne datoteke, ki jih naložimo na vašo napravo, z namenom izboljšanja uporabniške izkušnje. Preberi več

Piškotki, ki jih uporabljamo za delovanje portala, v nobenem primeru ne škodijo ne Vam, ne Vašemu računalniku. Omogočajo izdelavo dokumentov preko pametnih e-obrazcev, merjenje statistike obiska, delovanje partnerskega (affiliate) programa, oglaševanja, deljenja vsebin preko družbenih omrežij in komunikacijo z Vami. Predvsem pa omogočajo boljšo in lažjo uporabo portala za Vas kot uporabnika. Prosimo potrdite ali se strinjate z uporabo piškotkov na naši strani (kliknite spodnji gumb Sprejmi).

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Župančičeva ulica 18
6000 Koper - Capodistria
Ta e-poštni naslov je zaščiten proti smetenju. Za ogled potrebujete Javascript, da si jo ogledate.

Riunione sui mezzi per i Comuni

Podobne novice

Una delegazione della CAN costiera, composta dal presidente, Alberto Scheriani, dai Consiglieri e dirigenti delle CAN comunali Fulvio Richter (Capodistria) e Felice Žiža (Isola), nonché dal segretario, Andrea Bartole, ha conferito lunedì pomeriggio a Lubiana con l'Ufficio per le nazionalità della Repubblica di Slovenia, con il suo direttore, Stanko Baluh e con Roman Lavtar, del Ministero per la pubblica amministrazione. Erano presenti anche i rappresentati della Can ungherese e tutti i sindaci dei Comuni del territorio bilingue ungherese. In agenda il decreto governativo sul finanziamento dei comuni in territorio nazionalmente misto, ossia i mezzi che lo stato devolve alle municipalità per l'attuazione dei diritti particolari delle Comunità nazionali italiana e ungherese. Le norme dovrebbero stabilire i criteri per stanziare le sovvenzioni, che in una buona parte servono a garantire tra l'altro il bilinguismo. É stato stabilito che per l'anno in corso i mezzi resteranno invariati rispetto al 2017, mentre il nuovo decreto entrerebbe in vigore con il 2019. Da mesi era in corso un vivace dibattito sui criteri da adottare e ancora di più sulle spese che Lubiana ritiene ammissibili per il funzionamento dei Comuni e delle istituzioni minoritarie in zona nazionalmente mista. Dalle varie consultazioni è emersa una nuova bozza di decreto, che però contiene ancora passi inaccettabili per la CAN. A partire dall'ammontare dei mezzi, che il Governo vorrebbe vincolare al numero dei connazionali iscritti agli elenchi elettorali. É stato fatto presente che la soluzione appare incostituzionale, poiché nell'ordinamento giuridico sloveno i diritti delle Comunità nazionali sono garantiti a prescindere dal numero dei loro appartenenti. Restano da precisare meglio se sono ammissibili alcuni capitoli di spesa e se questi resteranno inclusi nel decreto, come le consulenze legali e le spese di traduzione. Gli appunti presentati dalla CAN costiera saranno presi in esame dal Governo, che formulerà la bozza definitiva entro due o tre settimane. Gli esponenti dell'esecutivo durante la discussione, hanno dimostrato di comprendere la validità delle riserve espresse dagli appartenenti alle Comunità nazionali e di volerle tenere in massima considerazione.

Najbolj brane

Podobne novice

Drugo

Zadnje novice

Info-libro

Podobne novice