Sabato, 23 Ottobre 2021, 13:18

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria

A GIANFRANCO GIASSI IL PREMIO DELLA CAN COSTIERA

Articoli correlati

Nel corso di una splendida serata la CAN Costiera ha consegnato a Strugnano il suo premio annuale. La scelta è caduta questa volta su un personaggio molto noto e stimato nella località: Gianfranco Giassi. Attivista della Comunità degli Italiani di Pirano, consigliere della CAN dello stesso comune, insostituibile nelle iniziative della Comunità locale e dell’Associazione turistica, ha legato il suo nome soprattutto alla promozione dei cachi, il frutto arancione che in autunno colora la vallata. Con una Festa diventata internazionale e numerose altre iniziative, ha fatto conoscere ed apprezzare questo prodotto. Lo ha abbinato ad altri tradizionali, come il carciofo, per farne dei brand noti in tutta la Slovenia e nei Paesi vicini. Nei cenni di saluto e nella motivazione del premio sono emersi la passione di Giassi per la sua terra, l’amore che mette in tutto quello che fa e le sue indubbie capacità di organizzatore. Dalle mani del presidente della CAN Costiera, Alberto Scheriani, ha ricevuto la targa ricordo e un regalo speciale a nome di tutti i convenuti. Il prof. Scheriani ha sottolineato l’importanza di simili momenti, che consentono di attribuire un riconoscimento a chi si adopera per il bene della Comuità nazionale italiana e della società in generale. Giassi, tradendo un po’ di emozione, ha ringraziato per il premio e lo ha interpretato come un invito a proseguire nel suo impegno. Ha pertanto colto l’occasione di invitare tutti alla prossima Festa dei cachi, Covid permettendo, nel mese di novembre.

 

 

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati