Mercoledì, 12 Agosto 2020, 21:13

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La visita a Trieste dei presidenti Mattarella e Pahor, guardando al futuro

Articoli correlati

Nella delegazione delle Comunità nazionali italiana in Slovenia e slovena in Italia, che hanno potuto conferire con i presidenti della Repubblica italiana, Sergio Matterella e della Repubblica slovena, Borut Pahor, durante la loro recente visita a Trieste, hanno fatto parte anche il deputato al Parlamento di Lubiana, Felice Žiža e il presidente della CAN Costiera, Alberto Scheriani. Il parlamentare ha rilevato che si è trattato di un evento eccezionale, che ha voluto chiaramente indicare la via per il futuro. Ha voluto privilegiare un processo di riconciliazione ideologica e politica dei due popoli, senza dimenticare la storia, ma affrontando il presente con l’intento di mirare alla pace, all’amicizia e soprattutto ai giovani. Per il presidente Scheriani il gesto dei due capi di stato va verso il futuro, verso un’Europa unita. I rispettivi territori devono puntare all’integrazione, a superare le divisioni che portano disagi, come dimostrato dall’emergenza Coronavirus. Ha sottolineato, inoltre, che è necessario lasciarci alle spalle i contrasti, sfruttati per scopi politici da ambedue le parti del confine. Vanno curati i rapporti di collaborazione, come quelli già molto proficui tra le Comunità nazionali o tra la CNI e il mondo degli esuli. Ai presidenti è stata illustrata la posizione delle due minoranze e, secondo Scheriani, i problemi sono stati perfettamente recepiti. I colloqui porteranno, pertanto, soluzioni positive.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati