Venerdì, 18 Settembre 2020, 14:42

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria

Bilinguismo nelle Case della sanità

Articoli correlati

Una delegazione della CAN Costiera, guidata dal Presidente Alberto Scheriani è composta dai vice presidenti, Marko Gregorič e Linda Rotter, nonchè dal segretario Andrea Bartole, ha incontrato i dirigenti delle Case della sanità di Capodistria Isola e Pirano. Il tema principale affrontato è stato il rispetto del bilinguismo negli ambulatori di base. Come ricordato dal presidente Scheriani, la struttura demografica della CNI è tale da far ritenere che molti connazionali debbano ricorrere più spesso agli aiuti dei medici. Molti di loro hanno difficoltà a comunicare in sloveno ed è qui emerge, ancora di più la necessità di far rispettare il bilinguismo. A volere fortemente l'incontro è stato Il deputato al Parlamento sloveno, Felice Žiza, medico ed ex Direttore sanitario dell'ospedale di Isola. Ha posto l'accento sulla necessità di garantire la comunicazione del personale medico con i pazienti di lingua italiana (non soltanto con gli appartenenti alla CNI) per fornire loro informazioni sulle cure. Il bilinguismo visivo incompleto e spesso fonte di critiche ed esposti da parte dei connazionali, ma questo è solo uno degli aspetti del problema. I responsabili delle Case della sanità hanno salutato la riunione voluta dalla Can, che consente loro di mettere a fuoco il problema del rispetto dei diritti minoritari. Hanno rilevato il problema dei finanziamenti per le aggiunte sul bilinguismo, calibrati sul numero dei dipendenti di un decennio fa, mentre l'organico è aumentato. I vicepresidenti Gregorič e Rotter hanno ribadito anche da parte loro, che serve una soluzione sistemica delle difficoltà e che le CAN comunali sono pronte a fare la loro parte, discutendone con Lubiana e con le rispettive municipalità.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati