Venerdì, 13 Dicembre 2019, 06:07

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I CORSI DI LAUREA IN ITALIANO: I FONDI SARANNO ASSICURATI

Articoli correlati

Il deputato al Parlamento sloveno, Felice Žiža e il presidente della CAN Costiera, Alberto Scheriani, hanno conferito nei giorni scorsi con il ministro dell’istruzione sloveno, Jernej Pikalo. Il colloquio è stato incentrato quasi completamente sul riavvio dei corsi di studio universitari in italiano per educatori e insegnanti di classe, presso l’ateneo del Litorale. Partiti nel 2018, i programmi non erano stati rifinanziati per l’anno accademico successivo. Da Lubiana è giunto un chiaro segnale sull’intenzione di porre rimedio al problema, consentendo nuovamente alle matricole di scegliere i corsi che si svolgono anche in lingua italiana. Pikalo ha confermato che i mezzi necessari sono a bilancio e ha precisato che l’Università del Litorale è tenuta a includere nel catalogo anche questa possibilità di preparazione. Prossimamente il ministro incontrerà il rettore dell’Università capodistriana ed ha assicurato che chiarirà con gli interlocutori l’accaduto. Per consolidare il corso di laurea, serviranno ancora norme applicative, che l’esecutivo di appresta a varare. Žiža e Scheriani torneranno ad incontrare Pikalo il mese prossimo per fare il punto della situazione.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati