Venerdì, 13 Dicembre 2019, 06:07

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

VISITA DELLA COMMISSIONE ESTERI DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

Articoli correlati

Una delegazione della Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera dei deputati italiana, guidata dalla presidente, on. Marta Grande ha soggiornato lunedì in Slovenia. A Lubiana ha conferito con esponenti del Parlamento sloveno e del Ministero degli esteri. Nel pomeriggio ha incontrato a Capodistria la Comunità nazionale italiana, alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia a Lubiana, Paolo Trichilo e del Console generale d’Italia a Capodistria, Giuseppe D’Agosto. A Palazzo Gravisi gli ospiti hanno incontrato il deputato italiano al Parlamento sloveno, Felice Žiža, che è stato promotore dell’incontro assieme alla CAN Costiera, rappresentata dal presidente Alberto Scheriani, dai suoi vice, Linda Rotter e Marko Gregorič, con i presidenti delle CAN comunali e con il Presidente dell’Unione Italiana, Maurizio Tremul. Gli esponenti della CNI hanno illustrato il sistema di rappresentanza istituzionale esistente in Slovenia, le nostre istituzioni ed esposto i principali problemi che affliggono la CNI. Sono state rimarcate le difficoltà della RTV di Capodistria per la diffusione dei suoi segnali via satellite, l’equipollenza delle lauree conseguite in Italia e l’abolizione del bollino autostradale sloveno nelle zone di confine. Auspicata anche una legge d’interesse permanente dello Stato italiano a favore della Comunità nazionale italiana in Slovenia e Croazia, che le dia sostegno certo e una vigilanza da parte dell’Italia sull’attuazione dei diritti della minoranza. I deputati italiani hanno espresso soddisfazione per l’opportunità avuta di conoscere da vicino la realtà della CNI e hanno assicurato il loro interessamento per risolvere a Roma, nelle sedi deputate, i problemi esposti.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati