Venerdì, 13 Dicembre 2019, 05:46

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

RELAZIONE DEL LAVORO SVOLTO E PIANI 2020 AL COMITATO RTV

Articoli correlati

Riunito giovedì, 30 maggio il Comitato dei programmi italiani di Radio e TV Capodistria. L’organismo, presieduto da Alberto Scheriani, ha provveduto a esaminare la relazione sul lavoro fin qui svolto dalle redazioni e le linee guida per il programma del prossimo anno. Alla presenza del direttore generale della RTV di Slovenia, Igor Kadunc, il suo vice con delega per i programmi italiani, Antonio Rocco e i redattori responsabili, Aljoša Curavič (Radio) e Robert Apollonio (Tv) hanno rimarcato, che nonostante tutte le difficoltà incontrate di natura finanziaria e di risorse umane, i piani di lavoro sono stati rispettati. L’ampiezza e la qualità dei programmi sono stati mantenuti invariati, pregevole passo avanti con la multimedialità, seguita da molti ascoltatori e spettatori. Per il futuro, invece, bisogna fare i conti con le sovvenzioni non garantite e con il costante calo dei dipendenti del centro RTV di Capodistria. Kadunc ha condiviso l’opinione degli altri presenti sul fatto che l’organico capodistriano sia stato già pesantemente ridotto e che non vi possono essere altri tagli. Vista la grave situazione finanziaria in cui si trova l’ente, non può garantire i mezzi per sostituire tutti quelli che vanno in pensione. Serve un intervento del governo, aumentando il canone oppure garantendo sovvenzioni aggiuntive. Tra le cose a rischio la permanenza dei programmi italiani sul satellite. Le spese venivano coperte dallo stato italiano e da quello sloveno, ma per quest’anno si teme che non arrivano gli aiuti da Roma. Qualsiasi altro tipo di trasmissione alternativa da Capodistria è stata respinta, in quanto internet non è ancora bene radicato in regione. Il presidente del Comitato e della CAN costiera, Alberto Scheriani, ha confermato che si sta facendo tutto il possibile per ottenere i mezzi aggiuntivi dal governo, grazie anche al costante impegno del deputato a Lubiana, Felice Žiža.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati