Martedì, 23 Luglio 2019, 05:47

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

“ELETTRONICA IN” DEDICA UN ARTICOLO ALLA “PIETRO COPPO”

Articoli correlati

“ELETTRONICA IN” DEDICA UN ARTICOLO ALLA “Pietro Coppo” Importante risultato per la Scuola Media “Pietro Coppo” di Isola, della quale la CAN costiera è cofondatrice. I suoi progetti, sviluppati nell’ambito dell’indirizzo tecnico- scientifico, coordinato dal prof. Maurzio Škerlič, hanno catturato l’attenzione della nota rivista “Elettronica in”, una delle più seguite anche sul web dagli appassionati di elettronica e informatica. Già due anni fa i responsabili della pubblicazione avevano visitato la postazione della scuola isolana alla manifestazione “Maker Faire”, dove con i loro robot avevano vinto il premio “Blue Ribbons”. Era stata espressa la volontà di avviare una collaborazione che ha portato ora alla pubblicazione di un richiamo in copertina e di un lungo articolo, ben 13 pagine, firmato dal prof.Škerlič, incentrato sulla console “Coppobuino”, creata dai ragazzi e dal loro insegnante. Consente di giocare giochi “vintage”, ossia molto famosi una volta. La rivista ha dato spazio a tutti i dettagli tecnici del Coppobuino (il denominativo comprende il nome della scuola e la piattaforma Arduino) è completamente compatibile con i giochi del progetto open source Gamebuino, dal quale deriva, essendone una versione codificata e migliorata. Indubbiamente una bella soddisfazione per la “Coppo” che avrà anche un importante compenso, espresso in componenti elettroniche da usare nei futuri processi didattici.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati