Martedì, 23 Luglio 2019, 05:47

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

BILINGUISMO: UNIFORMARE I DECRETI COMUNALI E LE SANZIONI

Articoli correlati

Presso la sede della CAN costiera si è svolto giovedi un incontro tra il deputato italiano al Parlamento sloveno, Felice Žiža e i responsabili degli ispettorati comunali di Pirano e Ancarano, Ivan Koljesnikov, Črtomir Krnel per Isola e Peter Donaval di Capodistria. A coordinare i lavori è stato il segretario della CAN costiera, Andrea Bartole. Come illustrato in apertura della riunione dal parlamentare Žiža, è nelle intenzioni della Comunità nazionale italiana pervenire all’unificazione delle norme nei decreti comunali sul bilinguismo per i quattro comuni costieri. Sarebbe auspicabile avere un testo identico che contempli gli obblighi dei vari soggetti nel settore e nel quale siano previste sanzioni pecuniarie uguali per le stesse infrazioni. Gli ispettori hanno sottolineato che va prevista, prima delle multe, la possibilità di un semplice richiamo agli inadempienti, come del resto è prassi attuale. L’incarico di stilare il nuovo decreto è stato affidato alla CAN costiera, che poi provvederà a trasmetterlo agli ispettori per eventuali modifiche o aggiunte. Stilato il testo definitivo, si passerà all’approvazione da parte dei rispettivi Consigli comunali. La fase preliminare dell’iniziativa, con lo scambio di opinioni sul testo definitivo del decreto, dovrebbe concludersi entro marzo.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati