Lunedì, 25 Marzo 2019, 08:35

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

IL DEPUTATO ŽIŽA E I PRESIDENTI DELLE CAN SUL BILINGUISMO

Articoli correlati

Su iniziativa del deputato italiano al Parlamento di Lubiana, dott. Felice Žiža, si è svolta venerdì mattina una consultazione tra i presidenti delle CAN comunali e costiera, incentrata sul bilinguismo. É stata trattata la realizzazione di questo diritto fondamentale della Comunità nazionale italiana, non soltanto come sua attuazione formale, ma l’effettivo rispetto del bilinguismo sul territorio nazionalmente misto. I presenti hanno cercato di individuare un sistema per creare una rete, che consenta di unire gli sforzi per riavvicinare i connazionali all’ uso della propria lingua nella sfera pubblica. Questa necessità emerge spesso nei colloqui regolari che il deputato Žiža ha nelle Comunità degli Italiani. Il punto fondamentale è come ottenere che l’italiano sia usato di più nella vita di ogni giorno. È stato creato un comitato di lavoro per organizzare una tavola rotonda che coinvolga gli appartenenti alla CNI, ma anche alla maggioranza. Da ottenere che vengano stilati degli obiettivi concreti da raggiungere per attuare il bilinguismo in tutte le sue forme non soltanto visive, ma anche scritte e nelle comunicazioni orali. Uno degli scopi sarebbe anche tastare il polso ai connazionali per comprendere quanto effettivamente desiderano usare l’italiano e avviare iniziative che convincano i cittadini a non accantonarlo, arrivando a una forma di “educazione al bilinguismo”. Prossimamente sarebbe auspicabile poter contattare il Consiglio per le minoranze della Regione Istriana, che nonostante l’ordinamento statale diverso, tratta gli stessi problemi.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati