Mercoledì, 14 Novembre 2018, 19:11

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

A Trieste l’ultima riunione dell’OIIFI

Articoli correlati

Si è tenuta ieri, 29.10. a Trieste l’ultima riunione dell’OIIFI (Osservatorio italiano istituzionale fuori d’Italia) alla quale hanno preso parte il prof. Italo Rubino (Direzione generale traduzioni presso la Commissione europea), Jean-Luc Egger (Cancelleria federale svizzera), Andrea Bartole (CAN Costiera) , Nada Zajc (Comune di Pirano), Ivana Lalli Pacelat (Università di Pola), Iva Perisic (Università di Fiume), Stefano Ondelli (Università di Trieste), Metka Malčič e Mojca Cerkvenik (entrambe dell’Università del Litorale) e Paola Rizzotto (Direzione generale traduzioni presso la Commissione europea). Il gruppo di lavoro sta svolgendo da alcuni anni un lavoro di monitoraggio sull’uso dell’italiano istituzionale (usato nelle pubbliche amministrazioni) al di fuori dei confini italiani – nei paesi in cui l’italiano è lingua ufficiale. L’intento è quello di verificare e comparare i termini tecnici e amministrativi in uso presso le amministrazioni statali e cercare di uniformare la terminologia. Durante la riunione sono state prese in esame le ricerche ed i risultati prodotti dai componenti del gruppo. Al termine dell’incontro tenutosi presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell`Interpretazione e della Traduzione dell’Università di Trieste, il gruppo di lavoro transnazionale ha deciso di raccogliere i materiali già prodotti e procedere alla traduzione e comparazione di un’ulteriore serie di termini giuridici italiani in uso in Svizzera, Slovenia e Croazia. Il fine ultimo rimane la pubblicazione di un glossario che diventerebbe un compendio insostituibile per le istituzioni pubbliche, che operano nei territori bilingui.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati