Giovedì, 24 Maggio 2018, 05:05

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Presidente Brglez e una delegazione SMC in visita alla CAN

Articoli correlati

Il presidente del Parlamento sloveno, Milan Brglez ha fatto visita sabato sera alla Comunità nazionale italiana in Slovenia, alla guida di una delegazione del suo Partito del centro moderato (SMC), finora forza di maggioranza relativa a Lubiana. A Palazzo Gravisi l'alto ospite, accompagnato dalla segretaria del Governo, la capodistriana Lilijana Kozlovič e dai candidati SMC nei distretti della fascia costiera alle prossime elezioni politiche, ha conferito con il presidente della Comunità autogestita costiera della nazionalità italiana, Alberto Scheriani, con la vicepresidente, Linda Rotter, con il presidente della CAN di Capodistria, Fulvio Richter e con il segretario della CAN costiera, Andrea Bartole. Si è trattato di un incontro di lavoro impostato come un bilancio su quanto fatto negli ultimi quattro anni nel comparto della tutela delle minoranze, su quello che l'esecutivo dimissionario può ancora completare nei mesi che gli rimangono e su quello che il mondo politico dovrà realizzare nel corso della prossima legislatura. Il prof. Scheriani ha espresso la soddisfazione della CNI per l'approvazione della nuova legge quadro sul settore scolastico, che prevede importanti passi avanti per le istituzioni scolastiche italiane e per la preparazione dei quadri. Altrettanto positiva è stata definita la recente approvazione del finanziamenti per la base economica dei connazionali, che serviranno a supportare alcuni progetti ben concreti già impostati e che prevedono attività economiche e posti di lavoro per giovani professionisti dei vari settori. Per quanto riguarda il bilinguismo sono stati rilevati progressi nella sua applicazione visiva e nel funzionamento degli organismi statali, ma molto resta ancora da fare. Scheriani ha posto l'accento sull'importanza di avere un dialogo continuo con i Ministeri e gli Uffici governativi per poter affrontare le difficoltà che emergono. Ha indicato come un esempio di buona prassi il rapporto instaurato in questi anni con i Dicasteri dell'Istruzione e delle Attività economiche, mentre insufficiente è stata l'attenzione prestata dal Ministero della cultura, da cui dipende anche la soluzione dei problemi di RTV Capodistria, nonchè del Centro culturale Carlo Combi, ancora senza un direttore a tempo pieno. Il presidente della CAN costiera e vicesindaco capodistriano ha esortato il governo uscente a regolare quanto prima la delibera sul finanziamento dei Comuni, poichè in territorio nazionalmente misto alcune istituzioni minoritarie stanno già ravvisando serie difficoltà. La signora Kozlovič ha annunciato per la prossima seduta del Consiglio dei ministri l’approvazione della delibera relativa, già concordata con municipalità e Comunità nazionali. I funzionari competenti verificheranno ancora il finanziamento dei programmi di studio universitari in lingua italiana, previsti sempre dalla legge quadro sull’istruzione. Il presidente Brglez ha ringraziato per l’opportunità che è stata concessa alla sua delegazione di dialogare con la CNI e di conoscere ancora meglio, da vicino i problemi esistenti. Ha rilevato come l’applicazione dei diritti garantiti da costituzione e leggi vada migliorata. Ha definito la posizione dei programmi radiotelevisivi italiani come delicata e risolvibile soltanto con un’unità di intenti da parte della prossima coalizione governativa. Ha auspicato che i rapporti tra partiti e deputati delle Comunità nazionali italiana e ungherese ( ambedue saranno freschi di nomina in giugno, dopo il ritiro di Roberto Battelli e Laszlo Göncz ) rimangano agli ottimi livelli dell’ultima legislatura. In conclusione Milan Brglez ha rilevato che la tutela delle minoranze sarà certamente inclusa nel prossimo accordo di governo a prescindere da chi farà parte della nuova coalizione, sebbene i partiti di centro- sinistra, a suo avviso, abbiano sempre dimostrato maggior sensibilità per il settore.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati