Lunedì, 11 Dicembre 2017, 10:39

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il barone rampante

Teatro di Capodistria
Il Dramma Italiano di Fiume presenta Mercoledì, 12 marzo alle ore 20.00 presso il TEATRO DI CAPODISTRIA IL BARONE RAMPANTE Regia: Paola Galassi

Articoli correlati

Adattamento e scelta delle musiche:
Paola Galassi e Oscar Genovese

Con:
Mirko Soldano, Alida Delcaro, Giuseppe Nicodemo, Tomas Kutinjač, Andrea Tich, Elena Brumini, Rosanna Bubola, Ivna Bruck, Geoffrey Di Bartolomeo

Scene e costumi:
Rosaria Ricci

Luci:
Predrag Potočnjak

Coreografie:
Elena Brumini

Il Dramma Italiano, dopo il successo e i riconoscimenti conseguiti con la messa in scena di Kafka project, continua su questa strada ispirandosi a un’opera letteraria che ha lasciato un segno nella cultura italiana. Immensa è l’eredità lasciataci da Italo Calvino, narratore, saggista, favolista tra i più significativi del panorama letterario del Novecento.

Il barone rampante, secondo capitolo della trilogia I nostri Antenati scritto tra il ‘56 e il ‘57, è un romanzo allegorico di cui si presenta una riduzione teatrale che ambisce a suscitare l’interesse di un pubblico eterogeneo composto sia da giovanissimi, sia da adulti. Il protagonista è un ragazzo che sale su un albero e, di albero in albero, viaggia per giorni e giorni e non torna più giù, rifiutandosi di scendere a terra e passando sugli alberi tutta la vita. Un personaggio che rifiuta tenacemente di omologarsi agli altri, eremita consapevole proteso verso l’utopia di una vita attiva e di scelte alternative.

Servizio pullman con il seguente orario di partenza:

19.15 Crevatini (stazione bus di fronte ai pompieri)

19.30 Bertocchi (stazione autobus / Casa della cultura)

Realizzato con il contributo finanziario dell’Unione Italiana e dell’Università Popolare di Trieste con il cofinanziamento locale della Comunità Autogestita Costiera della Nazionalità Italiana.

 

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati